» Visualizzazione predefinita
 
Studio filiera forestale cossatese
STUDIO FILIERA FORESTALE COSSATESE (schede 13/33 e 14/33)

L’obiettivo di questo studio è stato quello di ottenere dati precisi per dimensionare correttamente la centrale termica a cippato di legna che si prevede sorgerà presso l’area industriale dismessa ex-Tinval nel Comune di Cossato.
L’intenzione è infatti quella di riuscire a realizzare l’impianto in modo tale affinché l’approvvigionamento di cippato possa essere sostenuto esclusivamente attraverso la corretta gestione dei boschi circostanti. Ciò renderebbe la centrale sostenibile nel vero senso del termine, portando inoltre vantaggi ambientali, sociali, economici a livello territoriale.
I Comuni presi in considerazione sono Casapinta, Cossato, Crosa, Lessona, Quaregna e Strona. Tali comuni rappresentano il naturale bacino di approvvigionamento della biomassa necessaria per l’alimentazione della centrale termica.
L’indagine prende in considerazione in particolare i boschi cedui di castagno e di robinia (sia pubblici che privati) mentre le stime sulla quantità e sulla qualità degli assortimenti legnosi sono state effettuate in seguito all’elaborazione dei dati raccolti attraverso aree di saggio.

In estrema sintesi lo studio ha prodotto i seguenti valori:
Totale legna cippabile 147.431 m3
Turno medio 18 anni 8.191 mc/anno
Coefficiente di trasformazione legna/cippato 1.94
Volume cippato disponibile annuo 15.890 mc
Consumo medio anno per MW 2.000 mc
Dimensionamento della centrale 7.9 MW
 
Studio filiera forestale cossatese